Aniem Piemonte | SPECIALE REGOLAMENTO EUROPEO: come adeguarsi al nuovo Regolamento sul trattamento dei dati personali
16528
post-template-default,single,single-post,postid-16528,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

SPECIALE REGOLAMENTO EUROPEO: come adeguarsi al nuovo Regolamento sul trattamento dei dati personali

SPECIALE REGOLAMENTO EUROPEO: come adeguarsi al nuovo Regolamento sul trattamento dei dati personali

Il 25 maggio 2018 entrerà in vigore il nuovo Regolamento sulla Privacy n. 679/2016, avente ad oggetto la protezione dei dati personali delle persone fisiche (a titolo esemplificativo, si intendono come dati personali l’indirizzo e-mail, l’immagine fotografica di una persona, il codice fiscale o anche un semplice numero di telefono.)

Entro tale data le aziende, gli enti pubblici e liberi professionisti dovranno tassativamente adeguarsi alla nuova normativa selezionando le misure di protezione più adeguate, fra quelle conosciute e disponibili.

Tuttavia il Regolamento non contiene elencazioni delle misure da adottare.

Pertanto, i soggetti indicati dovranno adeguarsi alla normativa sulla base delle proprie competenze in materia, valutando in primo luogo i rischi inerenti il trattamento e successivamente adottando le misure idonee.

Il tutto in autonomia, tenendo conto delle dimensioni aziendali, della delicatezza dei dati trattati, del numero e della tipologia di trattamenti effettuati ecc.

Il mancato rispetto del Regolamento determinerà il rischio, sia per le persone fisiche che per le aziende di incorrere in una serie di pesantissime sanzioni:

Amministrative: potranno arrivare a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato mondiale d’impresa, se superiore.
Penali: come già previste nell’attuale Codice Privacy.

 

 

Condividi sui tuoi social!
No Comments

Post A Comment