Aniem Piemonte | 26 PMI PER L’ACCORDO QUADRO TORINO LIONE
16367
post-template-default,single,single-post,postid-16367,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

26 PMI PER L’ACCORDO QUADRO TORINO LIONE

26 PMI PER L’ACCORDO QUADRO TORINO LIONE

E’ salito a 26 il numero delle piccole e medie imprese del settore edile che hanno aderito all’accordo quadro tra ANIEM Piemonte e il consorzio Coseam Italia, sottoscritto nel luglio 2017  per favorire l’accesso in forma aggregata imprese locali ai bandi di gara per i lavori della sezione transfrontaliera della linea ferroviaria Torino-Lione.

Formazione, competenza tecnica, giurica e fiscale, relazioni con enti appaltanti e istituzioni, trasparenza e legalità sono gli elementi principali dell’accordo.

«La Torino – Lione dovrà diventare un’occasione di sviluppo anche per le pmi del territorio piemontese – spiega il presidente di ANIEM Piemonte Marco Razzetti – L’accordo quadro intende invertire il trend negativo dell’edilizia privata, puntando sul rilancio per le PMI edili piemontesi, quali protagoniste delle grandi opere, normalmente appannaggio dei grandi gruppi industriali. Oltre alla concreta possibilità di partecipare alle gare, insistiamo sull’importanza di aderire ad un codice etico: come associazione vogliamo porci nel ruolo di filtro per la legalità e la trasparenza delle aziende che vorranno presentarsi alle gare della TorinoLione».

L’accordo quadro prevede infatti la creazione di un albo dei fornitori, che favorirà le aziende del territorio per i subappalti, e la sottoscrizione di un codice etico vincolante come strumento di filtro al fine di garantire la legalità e la trasparenza delle imprese che vorranno presentarsi alle gare.

Il dossier completo su ACCORDO QUADRO TORINO LIONE

 

10 febbraio 2018

Condividi sui tuoi social!
No Comments

Post A Comment